The Circlesouth – Remind Nothing

THE CIRCLESOUTH
Remind Nothing

2003
Cat. CDNUY010

The Circlesouth nasce nell’autunno 2000 nel tentativo di unire alle sonorità di una tipica line-up indie-rock influenze e contaminazioni caratteristiche dell’uso di strumentazioni elettroniche. Il progetto prende forma dall’idea di cinque ragazzi (l’età media è di 22 anni) provenienti dalla piccola ma musicalmente prolifica città di Pordenone. Il risultato di due anni di lavoro è sintetizzato nelle nove tracce dell’album di esordio della band, Remind Nothing, su Disasters By Choice. Quaranta minuti in cui melodie romantiche e forma-canzone si alternano a dilatate suite psichedeliche, chitarre effettate e campionature rumoristiche. Intrecci di batteria e basso, ossessivi riff di chitarra inseguono sequencers e morbidi piani elettrici, mentre voci trattate e vocoders raccontano storie intimiste ed enigmatiche, o recitano stralunate filastrocche. Brani in cui pianoforte e voce intrecciano melodie che nascono da rumorose sperimentazioni rievocano echi di pinkfloydiana memoria. Giochi di wurlitzer e vocoder sembrano usciti dalle menti dei francesi Nicolas Godin e Jean-Benoit Dunckel. Ospite d’eccezione in questo esordio, A. Cambuzat, leader del gruppo italo-francese Ulan Bator, che presta la sua voce ed un testo poetico al brano •le couler•. Nove tracce in cui si mischiano ascolti ed attitudini eterogenei, venendo a creare un suono morbido ma potente, elegante anche nella sperimentazione, alle volte suadente, altre graffiante, in una parola personale. Seguendo, senza farsi trascinare, l’insegnamento dei vari Radiohead, Sigur Ros, Air.